Coworking dew

 

Stiamo lavorando per costruire forme di lavoro sostenibile per le persone che telelavorano, attraverso la realizzazione di spazi di lavoro comuni, rivolti in particolare alle donne, perchè in periodi di crisi sono le prime a rinunciare al “posto” di lavoro fuori casa e a scegliere una più economica postazione di lavoro in casa.
Con il rischio, nel tempo, di perdere sempre più visibilità fino a “scomparire”.

L’esperienza sul campo del premio DONNAéWEB ci ha permesso di conoscere un gran numero di donne che lavorano con internet sul territorio nazionale. Alcune di esse sono strutturate in attività imprenditoriali e hanno a disposizione un ufficio dove lavorano in collaborazione con altre persone. Altre (la maggioranza) telelavorano dal proprio domicilio. All’isolamento professionale, si aggiunge una sovrapposizione di ambiti (familiare, materno) che annulla la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, e questi elementi finiscono con il rappresentare il deterrente principale allo
sviluppo professionale dell’attività.

I vantaggi del telelavoro rappresentano una conquista (in particolare per la famiglia) ma quando sono il frutto di una scelta tra più opzioni. Se lavorare ad una postazione da casa rappresenta un obbligo, per evitare le spese sempre maggiori di un ufficio esterno, alla lunga questa condizione diventa negativa, anche per il senso di solitudine che si prova davanti allo schermo di un pc, e per la mancanza di scambio e confronto reale con altre persone. Il senso di isolamento è ancora più marcato nelle aree decentrate, che offrono minori occasioni di incontro e scambio professionale
all’interno di iniziative, convegni, eventi di settore che favoriscono le opportunità di crescita rispetto ai grandi centri urbani.

Il progetto intende coadiuvare le persone che telelavorano per necessità a condividere non un ufficio ma uno “spazio” comune, un luogo dove andare la mattina assecondando le proprie necessità e i propri ritmi di lavoro, per incontrare un cliente, per rappresentarsi come professionista, per emergere dall’isolamento del telelavoro.

Vorremmo realizzare in aree decentrate una serie di “factory partecipative”, dove produrre insieme, condividendo costi ma anche idee e progetti.

Obiettivi e risultati attesi

- diminuzione delle spese di gestione
- sviluppo dell’autonomia professionale
- uscita dall’isolamento del pc
- maggiore visibilità dell’attività professionale
- confronto con altre persone e ambiti professionali
- apprendimento di nuove tecniche di lavoro
- sviluppo di iniziative finalizzate al networking
- migliore organizzazione dei tempi di lavoro
- miglioramento delle condizioni di lavoro finalizzato alla tutela della salute
- creazione di nuova progettualit
- assecondare i ritmi personali di lavoro
- aumento dell’autostima

Comune di PietrasantaProvincia di LuccaAssociazione degli Industriali della Provincia di LuccaComitato imprenditoria Femminile LuccaFondazione La VersilianaFondazione Banca del Monte di LuccaUnicoop TirrenoFormeticaCommissione Provinciale Pari OpportunitWishVersilia5 Sensi

  • Social Slider